Non più carri ma gruppi mascherati: cambio di programma alla Segavecchia di Cotignola

Lunedì 5 Marzo 2018 - Cotignola
Un'immagine delle passate edizioni

Grandi novità la Segavecchia di Cotignola, che si tiene dall'8 all'11 marzo: protagonisti del carnevale non saranno più i carri, bensì i gruppi mascherati. L’idea, come spiegano i volontari della Pro loco di Cotignola, “è maturata nell’ambito di una volontà di rinnovamento capace di riscoprire l’identità del nostro paese”.

 

 

Il programma L'8 marzo si iniza alle 10.30: la Segavecchia arriva in piazza, accompagnata dai bambini delle scuole, con visita alla mostra della Pro loco nelle sale comunali; a seguire, merenda sotto lo stand per tutti i bambini delle elementari. Alle 14.30 per i bambini, in piazza lo spettacolo di animazione e rogo della “Vecchina”. La sera alle 20.30 sfilata in costumi medievali e giochi in piazza con i rioni cotignolesi. Ci sarà anche una sorpresa finale, pensata per omaggiare le donne in virtù della Giornata internazionale della donna.

 

Il 9 marzo alle 21 nell’arena spettacoli, adiacente la piazza, ci sarà lo spettacolo comico teatrale dei fratelli Gianni e Paolo Parmiani, mentre sabato, alla stessa ora, lo spettacolo dei Musicanti di San Crispino. L'11 marzo alle 11 dal piazzale della Pace, presso la collegiata Santo Stefano, partirà il corteo storico per la celebrazione della santa messa solenne con benedizione degli stemmi rionali. Al pomeriggio il momento più atteso: alle 15 partirà il corteo mascherato della Vecchia, con gruppi di prima visione, accompagnato dalla banda musicale Città di Sarsina; alle 17 la premiazione dei gruppi, alle 17.30 la lettura della sentenza con lancio della bambolina e, a seguire, il rogo della Vecchia. In caso di maltempo il corteo sarà rimandato alla domenica successiva. Alle 20.30, all’arena spettacoli, conclude la serata la band The Crew.

 

Anche quest’anno è ben nutrita la proposta di mostre che accompagnano la festa. In occasione del rinnovo dei locali del municipio (in piazza Vittorio Emanuele II), saranno allestite ben tre esposizioni, che inaugurano il 7 marzo alle 18.30: “Là in fondo la cavalla era, selvaggia”, personale di scultura ceramica di Enzo Babini; “La Segavecchia e i rioni di Cotignola”, mostra fotografica a cura della Pro loco; “I lavori di ristrutturazione della sede municipale”, mostra fotografica a cura del Servizio Lavori pubblici del Comune di Cotignola. Queste tre esposizioni daranno l’opportunità ai cittadini di entrare nel municipio e apprezzarne le modifiche in corso, apportate durante l’adeguamento sismico dell’edificio. Le esposizioni saranno visitabili l’8 marzo dalle 18 alle 22, il 9 marzo dalle 10 alle 12 e dalle 19 alle 22, il 10 marzo dalle 15.30 alle 18.30 e dalle 20.30 alle 22, l’11 marzo dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 19, il 16 marzo dalle 16.30 alle 18.30, il 17 e il 18 marzo dalle 10 alle 12 e dalle 15.30 alle 18.30.

 

Alla chiesa del Pio Suffragio il 7 marzo alle 18 inaugura la mostra di pittura con le opere di Giacomina Tarlazzi; l’esposizione, che rientra nel calendario celebrativo della Festa della donna, è visitabile fino al 18 marzo nei giorni feriali dalle 17 alle 19, sabato e domenica dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 19, nei giorni della Segavecchia anche dalle 20 alle 22). Infine, dall’8 all’11 marzo alla collegiata di Santo Stefano (ingresso canonica) ci sarà la mostra di ceramiche “C'era una volta: una favola di ceramica” dell'artista cotignolese Eleonora Dalmonte e la mostra di pittura "Dipinti e chine" dell'artista Loris Dirani. Ogni sera di festa (la domenica anche a pranzo) sarà attivo lo stand gastronomico “La Ca’ di Mèt”, dove si potranno gustare le specialità locali; disponibili anche menù per celiaci. In piazza Vittorio Emanuele II, inoltre, sarà allestita una grande pesca di beneficenza a favore delle opere parrocchiali.



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.