Settore gomma e plastica: sindacati soddisfatti dello sciopero di Massa Lombarda e Cotignola

Mercoledì 7 Febbraio 2018 - Cotignola, Massa Lombarda
Una foto del presidio di martedì 6 febbraio

Filctem, Femca e Uiltec: "È il terzo sciopero per i lavoratori che ci sono visti sottrarre 19,06 euro perché l'inflazione reale è stata inferiore a quella prevista quando è stato firmato il contratto"

I sindacati di categoria Filctem Femca e Uiltec sono soddisfatti per la buona adesione allo sciopero, che si è svolto martedì 6 febbraio, nel settore gomma-plastica. La pioggia e il freddo non hanno impedito i presidi organizzati davanti ai cancelli delle aziende Nespak, a Massa Lombarda, e Vulcaflex, a Cotignola.


"È il terzo sciopero per i lavoratori della gomma-plastica - commentano Filctem, Femca e Uiltec - che ci sono visti sottrarre dalla propria retribuzione 19,06 euro per causa del fatto che l'inflazione reale è stata inferiore a quella prevista quando è stato firmato il contratto. Le aziende hanno introdotto una specie di scala mobile che riduce i salari quando l'inflazione diminuisce. Sarà così anche quando l'inflazione tornerà ad aumentare? Ovviamente la questione inflazione è solo un pretesto."

"E non c'è neanche una questione economica. La vera posta in palio - aggiungono - è la natura stessa del contratto collettivo di lavoro, ovvero il diritto dei lavoratori di contrattare attraverso il sindacato il proprio salario. Va fatto presente che la questione dello scostamento inflattivo ha riguardato anche i lavoratori della chimica e della Confapi: in quei casi però le associazioni datoriali hanno adottato un comportamento completamente diverso da Federgomma."

"Hanno condiviso con il sindacato una soluzione che ha consentito a quei lavoratori - concludono - di non perdere retribuzione. Federgommaplastica, invece, ha ritenuto non necessario confrontarsi con il sindacato per contrattare una soluzione, dimostrando così poco rispetto per per tutti quei lavoratori che negli anni più problematici hanno contribuito con i propri sacrifici al successo delle aziende".



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.