Carisbo e Cariromagna si fondono in Intesa San Paolo: 9mila esuberi, 1.100 filiali chiuse

Mercoledì 7 Febbraio 2018
Foto Ansa

Cariromagna e Carisbo, insieme ad altre dieci banche controllate, si fonderanno nella capogruppo Intesa Sanpaolo. La fusione fa parte del piano presentato a Milano per il prossimo triennio, come si apprende da una notizia Ansa - Emilia Romagna. La fusione di Cariromagna era già annunciata e dovrebbe essere completata entro il 2018. I dettagli dell'operazione Carisbo, invece saranno resi noti successivamente.

La fusione non dovrebbe far scomparire i marchi, noti ai clienti e radicati sul territorio. Il piano di Intesa Sanpaolo prevede l'uscita volontaria di 9 mila persone, in base all'accordo sindacale raggiunto alla fine del 2017, e la chiusura di circa 1.100 ulteriori filiali. Intesa Sanpaolo ha annunciato anche i dividendi dell'esercizio 2017 che saranno 3,4 miliardi. Questo porterà alcune decine di milioni nelle casse della Fondazione Carisbo, azionista del gruppo.



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.