Lugo, l'area di viale Dante resta destinata alla sgambatura dei cani

Martedì 6 Febbraio 2018 - Lugo
Immagine di repertorio

È invece vietato accedere con i cani nel giardino "Marinai d’Italia" (viale Dante), nel parco del Tondo (viale Orsini) e nelle aree verdi in piazza Martiri

L’area di sgambatura dei cani di viale Dante, a Lugo, sarà ancora destinata a questo servizio. La zona, di proprietà di Romagna Acque - Società delle fonti spa - è infatti stata concessa nuovamente in comodato d’uso gratuito al Comune di Lugo.


Nell’area all’interno della centrale idrica il comune ha realizzato, a proprie spese, una pista destinata alla sgambatura dei cani, completa di recinzione, realizzata da Romagna Acque lungo tutto il percorso.

A Lugo sono tre le aree e i parchi accessibili ai cani: il "Giardino a 4 zampe" in via della Dogana, viale Dante nell’area dell’acquedotto e tra via Nervesa della Battaglia e via Montegrappa.

È invece vietato accedere con i cani, anche se tenuti al guinzaglio e con museruola, nel giardino “Marinai d’Italia” (viale Dante), nel parco del Tondo (viale Orsini) e nelle aree verdi in piazza Martiri.

Anche nelle aree dove è possibile far sgambare gli animali vige l’obbligo di rimozione delle deiezioni canine per ragioni di igiene pubblica e di decoro urbano. La norma si appella alla responsabilità e alla civiltà dei padroni dei cani per il rispetto dei luoghi pubblici, in modo che tutti possano goderne. Per questo, i cittadini con in custodia dei cani hanno l’obbligo di avere con sé la paletta e il sacchetto per asportarne le deiezioni.



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.