Con un flashmob, Legambiente e Bellalfonsine lanciano un incontro sullo sviluppo sostenibile

Lunedì 5 Febbraio 2018 - Alfonsine
Il flashmob di sabato 3 febbraio

Dopo il flashmob di sabato 3 febbraio davanti alla stazione di Alfonsine, l'incontro si svolgerà venerdì 9 a Palazzo Marini. Ospite d'onore Leonardo Setti dell'Università di Bologna

Con un flashmob per promuovere la mobilità sostenibile, Legambiente e Bellalfonsine hanno presentato lo scorso sabato 3 febbraio, davanti alla stazione di Alfonsine, l'iniziativa di venerdì 9 che, alle 20.45 a Palazzo Marini, vedrà ospite Leonardo Setti dell'Università di Bologna per parlare di piani energetici e comunità solari.

 

Nel 2014 l'Unione dei Comuni della Bassa Romagna ha varato il piano energetico e i “piani d'azione per l'energia sostenibile” che individuano una serie di obiettivi ambiziosi per il miglioramento del rendimento energetico di abitazioni e siti produttivi, l'adozione di misure per il risparmio energetico, la produzione di energia da fonti rinnovabili.

"Per raggiungere gli obiettivi dei piani energetici - spiegano gli organizzatori - è necessaria una forte mobilitazione e adesione da parte della cittadinanza e delle aziende in quanto molte delle misure necessarie riguardano direttamente le azioni dei singoli più che gli interventi da realizzare su edifici pubblici. In altri centri abitati l'adozione di questi piani ha poi portato alla realizzazione di “comunità solari”, gruppi di acquisto e organismi in grado di consigliare e indirizzare i cittadini nelle scelte necessarie".

 

Com'è la situazione nella Bassa Romagna? Per fare chiarezza, Legambiente e Bellalfonsine hanno deciso di organizzare l'appuntamento del 9 febbraio per discutere assieme a Leonardo Setti dei risultati ottenuti in questi anni e delle prospettive per i cittadini.

"Il flash mob - continuano da Legambiente e Bellalfonsine - è stata anche l'occasione per puntare l'attenzione sulla necessità di rilanciare la mobilità sostenibile, ed in particolare il trasporto ferroviario, vista anche l'emergenza smog sempre più cronica in Italia: aria irrespirabile nelle grandi città con un 2017 da 'codice rosso' a causa delle elevate concentrazioni delle polveri sottili e dell’ozono. A fotografare la situazione è Mal’aria 2018, il rapporto sull’inquinamento atmosferico nelle città italiane di Legambiente da cui emerge che nel 2017 in ben 39 capoluoghi di provincia italiani è stato superato, almeno in una stazione ufficiale di monitoraggio di tipo urbano, il limite annuale di 35 giorni per le polveri sottili con una media giornaliera superiore a 50 microgrammi/metro cubo".

 

"Un problema che non è però limitato alle grandi città - aggiungono - e che richiede interventi strutturali e azioni ad hoc sia a livello nazionale che locale. Occorre ripartire da un diverso modo di pianificare gli interventi nelle aree urbane, con investimenti nella mobilità collettiva, partendo da quella per i pendolari, nella riconversione sostenibile dell’autotrazione e dell’industria, nella riqualificazione edilizia, nel riscaldamento coi sistemi innovativi e nel verde urbano, tutti temi che verranno affrontati nel corso dell'iniziativa di Palazzo Marini".



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.