Stefano Gemignani (M5S): "In Bassa Romagna ritorna operativo il servizio del vuoto a rendere"

Giovedì 1 Febbraio 2018 - Alfonsine
Immagine di repertorio

"Il sistema prevede, in via sperimentale per la durata di un anno, una cauzione per gli imballaggi contenenti birra o acqua minerale serviti al pubblico dagli esercenti" spiega il capogruppo

Il capogruppo del Movimento 5 Stelle di Alfonsine Stefano Gemignani comunica in una nota scritta che ritornerà operativa la misura del "vuoto a rendere" nei comuni della Bassa Romagna, grazie all'approvazione all'unanimità dell'ordine del giorno sull'intervento presentato dal Movimento durante il consiglio comunale di martedì 30 gennaio.


"Il sistema - spiega il capogruppo - prevederà, in via sperimentale per la durata di un anno e su base volontaria del singolo esercente, una cauzione per gli imballaggi contenenti birra o acqua minerale serviti al pubblico da alberghi e residenze di villeggiatura, ristoranti, bar e altri punti di consumo."

"Questo è quanto contenuto nel documento presentato dal Movimento 5 Stelle Alfonsine al consiglio comunale del 30 gennaio e approvato all'unanimità - continua Stefano Gemignani -. L'intervento impegnerà l'amministrazione ad iniziare un percorso di sperimentazione entro il 2018, coinvolgendo l'Unione dei Comuni della Bassa Romagna e in accordo con HERA, società che gestisce la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti urbani."

"Nelle richieste - aggiunge - si prevedono inoltre forme di incentivo economico quali, ad esempio, la riduzione della tassa sui rifiuti Ta.Ri. per gli esercenti che aderiranno al nuovo Regolamento recante la sperimentazione di un sistema di restituzione di specifiche tipologie di imballaggi destinati all`uso alimentare, ed a prevedere altre forme di agevolazione."

"Da segnalare che, come spesso accade, le forme di incentivazione contenute nella legge non risultano sufficientemente incoraggianti rispetto all’adozione del sistema del vuoto a rendere, qualora non accompagnate anche da incentivi di carattere economico o di altro tipo. Per questo - conclude il capogruppo - i nostri portavoce del M5S Regione Emilia-Romagna hanno fatto approvare una risoluzione che aiuta i comuni che aderiscono all'iniziativa, mettendo a disposizione dei fondi per rendere realmente efficaci gli strumenti della sperimentazione".

 



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.