Azienda agricola di Conselice su Rai1 a “Linea Verde… va in città”

Giovedì 1 Febbraio 2018 - Conselice
Giacomo Fucci del Caseificio Boschetto Vecchio di Conselice

Sabato 3 febbraio a partire dalle 12.30

La nota rubrica televisiva di RAI 1 Linea Verde farà tappa in Romagna sabato 3 febbraio a partire dalle 12.30 su Rai Uno. Un viaggio alla scoperta delle tipicità ed eccellenze ambientali, agroalimentari e produttive del nostro territorio, insieme ai giornalisti Marcello Masi e Chiara Giallonardo, che incontreranno anche il Consorzio di bonifica della Romagna e un'azienda di Conselice, il Caseificio Boschetto Vecchio


Insieme al geologo Laura Prometti, responsabile della Comunicazione del Consorzio di bonifica, approndiranno la centralità della gestione consapevole e virtuosa della risorsa idrica come elemento essenziale per la vita e l’economia locale. Impianti idrovori, irrigazione per le eccellenze del made in Italy e lotta al progressivo fenomeno della subsidenza che erode la nostra fascia costiera, sono alcuni dei temi affrontati nella puntata.

Nella puntata sarà protagonista anche il Caseificio Boschetto Vecchio di Conselice che alleva oltre 140 vacche da latte di razza Frisona, Simmental e Jersey, nutrite con foraggi come fieno, erba medica, mais insilato e cereali coltivati nei campi dell’azienda stessa tramite l’uso di tecnologie di lotta integrata e biologica.

Sono circa 6mila i quintali di latte mediamente prodotti all’anno, dei quali circa 5mila quintali vengono trasformati e circa mille quintali sono destinati alla Granarolo per l’"alta qualità”. L’azienda di Fucci è stata la prima azienda in Italia ad ottenere la certificazione nel 1991.

«Quando è uscita la legge per il circuito alta qualità noi eravamo pronti - afferma soddisfatto Fucci - e per questo merito devo ringraziare la Granarolo e anche l’Azienda Usl». La ricerca della qualità è una caratteristica intrinseca e lo dimostra anche il fatto che da circa 12 anni Giacomo Fucci sta portando avanti un progetto con l’Università di Parma, ormai alle fasi conclusive, per ottenere un latte ancora migliore, ancora più digeribile che eviti gonfiore al 100% così che possa essere bevuto da tutti e in modo tale che questi effetti positivi si riscontrino anche nelle tante varietà di formaggi freschi, più o meno stagionati, e paste filate che il caseificio produce.

Il caseificio nel 2018 compie 20 anni di attività. Fucci ha portato avanti il lavoro di agricoltori e allevatori dei genitori e dei nonni e nel maggio del 1998 ha avviato la nuova attività di trasformazione diretta del latte. Nell’azienda si lavora a ciclo chiuso e, come sottolinea Fucci, «con passione, con rigore, con le mani, nel rispetto delle norme disciplinari e secondo la tradizione artigiana portata avanti da generazioni dedite alla vita di campagna». 



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.