Liverani (Lega): "86enne rimbalzata fra più ospedali, il sistema Ausl Unica Romagna va rivisto"

Mercoledì 17 Gennaio 2018 - Lugo

Per il consigliere regionale del Carroccio la "disavventura capitata all'anziana signora rende evidente una situazione ormai radicata e aggravata dalle scelte che hanno portato all’unificazione delle Ausl”

“Trasferita cinque volte da un ospedale all’altro a 86 anni e in gravi condizioni. Tutto perché nelle strutture romagnole i posti letto non sono sufficienti. E’ questa la qualità delle prestazioni sanitarie che l’Ausl unificata della Romagna riesce a garantire?”. Se lo chiede Andrea Liverani, consigliere regionale Lega Nord Emilia Romagna, che in un comunicato diramato alla stampa, interviene sulla penuria di posti letto che caratterizza le strutture ospedaliere della Romagna.

“L’episodio di cronaca riferisce di un’anziana ricoverata e in stato di sedazione profonda e nel giro di poche settimane da Lugo a Ravenna a Faenza e poi di nuovo a Lugo. La disavventura capitata all’anziana signora e alla sua famiglia è un episodio increscioso e gravissimo - sottolinea Liverani - che rende evidente una situazione purtroppo ormai radicata e aggravata dalle scellerate scelte amministrative che hanno portato all’unificazione delle Ausl romagnole”.

Per Liverani, la nascita dell’Ausl unica della Romagna, "che ha sacrificato un numero importante di posti letto (101 erano solo quelli previsti dal documento ufficiale di unificazione ma di fatto i tagli ne hanno prodotti altri) ora scarica i suoi effetti negativi sugli utenti e specialmente sui più deboli e sugli anziani come è il caso della signora in questione che addirittura è stata trasferita da un reparto di rianimazione all’altro alla ricerca di un posto stabile mentre era in gravi condizioni”.


Si tratta di una situazione grave “che va nuovamente affrontata e discussa in Regione, perché il servizio così com’è ad oggi, è carente e problematico” spiega il consigliere leghista che sta valutando l’ipotesi di presentare un documento in Assemblea Legislativa per chiedere chiarimenti.
“Sull’Ausl Unica Romagna abbiamo sempre avanzato le nostre perplessità e la nostra contrarietà. Quanto avvenuto alla 86enne è l’esempio del grande numero di problematiche che quotidianamente gli utenti dei nostri ospedali subiscono. Forse è ora di rivedere il sistema dell’Ausl romagnola per renderlo più efficiente e meno travagliato”, conclude Liverani nella sua nota.

Commenti

Perché non vedi il tuo commento? Leggi le policy.
  • Il consigliere regionale, chieda direttamente a chi decanta le potenzialità di questa struttura, che forse sulla carta va bene ,ma di fatto crea problemi sugli utenti che invece di usufruire di un servizio lo subiscono. Chi ha responsabilità così delicate veda anche le esigenze delle persone ,per tutti prima o poi ci saranno momenti di fragilità

    17/01/2018 - Anna

  • Idem come asserisce la Signora Anna. ...per tutti prima o poi ci saranno momenti di fragilita'.

    19/01/2018 - savorelli bruno



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.