Il ravennate Mattia Strocchi è l'Italiano 2017 secondo il sondaggio Coop-Nomisma

Venerdì 15 Dicembre 2017
Mattia Strocchi (Foto FabLab Bassa Romagna)

19 anni, Mattia Strocchi ha progettato un esoscheletro riabilitativo per persone con disabilità

Secondo il sondaggio Coop-Nomisma - che premia Regeni, la medicina e l'ambiente - Italiano dell'anno 2017 è il diciannovenne ravennate Mattia Strocchi, che ha progettato un esoscheletro riabilitativo per persone con disabilità. Il sondaggio è quello di www.italiani.coop (lo strumento di ricerca e analisi della Coop) in collaborazione con Ansa e realizzato da Nomisma per decretare il vincitore 2017. La notizia è riportata dall'Ansa.

Un tributo anche a Giulio Regeni e ad un'altra ricercatrice Federica Bertocchini che ha scoperto il bruco mangia plastica. Mattia Strocchi ha progettato un esoscheletro riabilitativo e con questo suo prototipo ha ricevuto riconoscimenti internazionali.

È iscritto al primo anno di Ingegneria dell’Automazione dell’Università di Bologna, ma è già un giovane talento riconosciuto a livello internazionale fin da quando frequentava l’ultimo anno dell’ITIS Nullo Baldini di Ravenna. Mattia Strocchi, classe 1998, ha infatti ottenuto lo scorso luglio in Giappone due premi nell’ambito della 14esima edizione dell’International Exhibition of Young Inventors-IEYI, manifestazione internazionale dove vengono esposte invenzioni proposte dai giovani di tutto il mondo. A rappresentare l’Italia c’era solo lui, giovanissimo maker ravennate, essendo tra i finalisti del concorso “I giovani e le scienze 2017” della Commissione Europea ed essendosi già aggiudicato a marzo 2017 il premio dalla “Yale Science & Engineering Association Inc.”

 



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.