Fabbri: "Niente luoghi pubblici e piazze per chi va contro i valori democratici e costituzionali"

Mercoledì 6 Dicembre 2017 - Alfonsine

Il capogruppo di BellAlfonsine ha depositato una proposta di ordine del giorno affinchè vengano perseguite tutte le iniziative in contrasto con la difesa dei valori della libertà, del diritto, della solidarietà

Il Gruppo Consiliare BellAlfonsine ha depositato la proposta di ordine del giorno per il prossimo consiglio comunale di Alfonsine dal titolo “Valori e principi di democraticità della Costituzione Repubblicana”. Lo annuncia con un comunicato stampa il capogruppo in Consiglio Comunale, Claudio Fabbri.

“Prendiamo atto, anche grazie alla inchiesta di Patria Indipendente, testata on line dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia - ANPI, che vi è un proliferare di iniziative e manifestazioni provenienti da associazioni ed organizzazioni politiche e sociali – esordisce Fabbri – e da singoli soggetti, che si richiamano in modo esplicito a simboli fascisti o nazisti e ad ideologie proprie dei regimi totalitari e che diffondo idee e comportamenti ispirati a sentimenti antidemocratici, all’odio razziale, all’omofobia, all’antisemitismo alimentate anche da una loro enorme diffusione nella rete, che si fondano sulla repressione delle espressioni di libertà e democrazia”. 

La reazione della Comunità di fronte a certi comportamenti deve essere, secondo Fabbri, "quella di condanna, ritenendo di dover perseguire con fermezza tutte le iniziative in contrasto con la difesa dei valori della libertà, del diritto, della solidarietà, principi che costituiscono il fondamento e la base della convivenza democratica. Per questo motivo – continua Fabbri – il Gruppo Consiliare BellAlfonsine, consapevole che non basta la presa d’atto, ha depositato all’Ufficio Protocollo del Comune di Alfonsine una proposta di ordine del giorno da discutere nel prossimo Consiglio Comunale, per impegnare il Sindaco e la Giunta a vietare l’uso di piazze e di altri luoghi pubblici a tutti coloro, singoli o associazioni, che siano contrari, sia in modo esplicito che implicito, al tema dell’integrazione, dell’antifascismo, della tolleranza e della democraticità cui si ispirano i nostri valori costituzionali".

A conclusione del comunicato, Fabbri sottolinea come occorra "una grande attività di vigilanza da parte dell’Amministrazione Comunale anche attraverso la modifica dei regolamenti comunali (es. occupazione suolo pubblico, concessione spazi e sale comunali, ecc.) in modo che sia previsto che al momento della richiesta di autorizzazione venga resa specifica dichiarazione indirizzata all’impegno e al rispetto dei principi sopra richiamati”.



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.