Parco del Delta del Po, i Sindaci intervengono: "Non è un ente 'dimenticato', tanti gli interventi"

Martedì 28 Novembre 2017

I Sindaci della Comunità del Parco prendono posizione rispetto a quanto emerso negli ultimi giorni sull'iter parlamentare della legge istitutiva del Parco unico Delta del Po: "Definire come ha fatto qualcuno il Parco Regionale del Delta del Po, istituito con legge regionale n. 27 del 1988, come un ente 'dimenticato', 'preda del bracconaggio' e di 'appetiti edilizi' è una affermazione grave, per nulla veritiera".

"I tanti interventi dall’istituzione dell’Ente sulle Valli di Comacchio, sul boscone della Mesola, nella sacca di Goro, nelle Valli di Campotto, nelle sue saline di Cervia e Comacchio e sulle pinete di Cervia e Ravenna ne sono la testimonianza”.

"La Regione Emilia-Romagna, i Sindaci e la Comunità del Parco hanno lavorato non soltanto sul tema pianificatorio (Piani territoriali di stazione, Regolamenti, misure di conservazione e i piani di gestione), - spiegano i sindaci della Comunità del Parco - ma anche sulla valorizzazione, come dimostra il riconoscimento Mab Unesco del 2015. A questo proposito, si sta lavorando anche ad un allargamento del riconoscimento all’argentano e al ravennate. Va inoltre rammentato come la Regione, al pari dei Comuni, nonostante i pesanti tagli alla finanza pubblica, non abbia mai fatto mancare la propria contribuzione".

"Proprio lo straordinario riconoscimento di Riserva MAB Unesco (Man and Biosphere) che ha avviato una collaborazione positiva fra i due Parchi e le due Regioni insieme agli enti locali - proseguono i sindaci - ha rafforzato la convinzione che serva un’unica governance, attraverso la nascita di un unico Ente, cosa auspicata non soltanto per ragioni di duplicazione amministrativa, ma anche agli occhi del mondo. L’emendamento in discussione ha come scopo dunque il rilancio del Delta del Po e della sua governance e non certo l’abbassamento del livello della tutela naturalistica e ambientale".

"Non coglierla - evidenzia la Comunità del Parco - sarebbe miope e significherebbe fermare la crescente volontà delle Regioni e ripercorrere una storia già vissuta che, nonostante quanto disposto dalla legge nazionale 394/ 91, non ha mai visto la nascita del parco nazionale. Esiste un'esperienza di parco interregionale in Italia, quello del Sasso Simoncello e si può dimostrare che, se c’è la volontà, si può far funzionare un Parco tra più Regioni, senza la necessità di istituire un Parco Nazionale."

Commenti

Perché non vedi il tuo commento? Leggi le policy.
  • non mi sembra una cosa strana chiedere l unificazione del PARCO DEL DELTA DEL PO-Tutti i delta dei grandi fiumi europei--RODANO-DANUBIO-GUADUALQUIVIR sono definiti giustamente come PARCHI NAZIONALI con grandi vantaggi per la NATURA-Avanti quindi col PARCO DEL DELTA DEL PO come scritto dall amico GIANLUIGI CERUTI con la legge del 1991--luciano baruzzi--lugo

    29/11/2017 - luciano baruzzi



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.