Lugo: libertà infrante e rivoluzione russa, in Collegiata una serata di approfondimento

Mercoledì 29 Novembre 2017 - Lugo
Don Francesco Braschi

Appuntamento giovedì 30 novembre alle 20.45. Ingresso libero

Giovedì 30 novembre alle 20.45 nel salone della Collegiata, a Lugo in piazza Savonarola, ci sarà un incontro dal titolo “Le forze che cambiano la storia sono le stesse che cambiano il cuore dell’uomo?”, promosso dal circolo H. J. Newman. L’incontro è organizzato a cent'anni dalla Rivoluzione Russa, a ventotto anni dalla caduta del Muro di Berlino e nel centenario delle apparizioni della Madonna a Fatima: eventi che hanno segnato la storia d’Europa e dell’uomo e che saranno presi come spunto di approfondimento.

 

“La Rivoluzione russa ha rivoltato la storia mondiale di cui anche noi siamo figli - sottolinea Paola Paoletti, presidente del circolo Newman -. Per noi europei è necessario capire la rivoluzione per scoprire le radici dell'attuale crisi culturale dell'Europa, di cui vediamo oggi i tragici risultati nella frammentazione della persona e nella contrapposizione delle visioni politiche e culturali”.

 

Interverranno nel corso della serata monsignor Francesco Braschi, presidente del centro studi Russia cristiana, Gilberto Zappitello, storico e scrittore, e padre Elia Giacobbe, scrittore.

 

Russia cristiana è stata fondata nel 1957 da padre Romano Scalfi allo scopo di far conoscere in Occidente le ricchezze della tradizione spirituale, culturale e liturgica dell'ortodossia russa; di favorire il dialogo ecumenico attraverso il contatto fra esperienze vive; di contribuire alla presenza cristiana in Russia.

 

Don Francesco Braschi (Monza, 1967), sacerdote della diocesi di Milano, è dottore della biblioteca Ambrosiana, nella quale dirige la classe di Slavistica dell’omonima accademia. Dopo l’ordinazione, avvenuta nel 1992 per le mani del cardinale Martini, ha studiato presso l’istituto patristico Augustinianum di Roma, conseguendo il dottorato in Teologia e Scienze patristiche con una tesi sui commenti ai salmi di sant’Ambrogio, e ha insegnato al Seminario Arcivescovile di Milano.

 

Gilberto Zappitello (Bologna 1946) consegue nel 1971 la laurea in Filosofia e viene nominato assistente incaricato di Filosofia teoretica presso l’Università di Bologna. Dopo due anni, abbandona l’ambiente universitario per inserirsi nella scuola pubblica. Dall’incontro con il centro studi Russia Cristiana e con padre Romano Scalfi, avvenuto nel 1976, parte uno studio appassionato della storia e della cultura russa, del comunismo e del dissenso nei paesi comunisti, che non si è mai interrotto. Attualmente insegna storia moderna, filosofia e antropologia culturale nelle università per adulti di Lugo e Faenza e nell’Issr di Forlì. Collabora con altre università per adulti, tra le quali Bologna, Cervia e San Marino.

 

Padre Giacobbe Elia, medico, specializzato in teologia dogmatica, esperto di bioetica, è il primo esorcista incaricato dalla diocesi di Roma dopo Candido Amantini, suo maestro. Da anni a Roma è responsabile di un centro di ascolto rivolto alle famiglie e alle persone in difficoltà. Ha al suo attivo numerose pubblicazioni tra cui: L’urlo muto (1987), Le preghiere del popolo di Dio (2007), Le preghiere della Tradizione Cristiana (2009).

 

La serata è a ingresso libero ed è patrocinata dal Comune di Lugo.



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.