Bagnacavallo: il Bursôn di Ballardini Ricci sfida quattro eccellenze enologiche nazionali

Lunedì 27 Novembre 2017 - Bagnacavallo
I cinque vini in degustazione alla cieca, in un precedente appuntamento

Giudicato il miglior Bursôn riserva per l'annata 2010, si confronterà anche con Amarone e Pinot Nero. Appuntamento martedì 28 alle 20 al ristorante All'Infinito

Il miglior Bursôn Etichetta Nera (la riserva) in commercio nel 2017 è l’annata 2010 dell’Azienda Ballardini-Ricci di Boncellino (frazione di Bagnacavallo, Ravenna). A decretarlo è stata nel mese di maggio una giuria popolare formata da 120 persone fra giornalisti, gourmet, addetti del settore e tantissimi appassionati, al termine della 14esima edizione del concorso “A che punto siamo?”. Concorso che adesso prevede un’ultima tappa, nella quale il Bursôn Ballardini-Ricci si dovrà confrontare con quattro importanti vini nazionali della stessa annata.

 

Appuntamento dunque martedì 28 novembre alle 20 a Bagnacavallo al Ristorante “All’Infinito” (via Marconi 52/A), per una cena-evento nel corso della quale il Bursôn si confronterà con: Amarone della Valpolicella Docg “Checo” dell’Azienda Bruno Damoli di Negrar (Verona), Pinot Nero Igt “Nero Fumo” della cantina Sandro de Bruno di Montecchio di Crosara (Verona), Montepulciano d’Abruzzo Docg “Pollutro oro” della Soc. Coop. San Nicola di Pollutri (Chieti), Cesanese del Piglio Docg “Agape” della Vitivinicola Petrucca e Vela di Piglio (Frosinone).

 

A decretare il miglior vino della serata sarà sempre una giuria popolare che nel corso della cena degusterà alla cieca (ossia senza conoscere l’ordine di servizio dei vini) i 5 vini. A questa valutazione si aggiungerà il giudizio “tecnico” espresso da una commissione costituita da giornalisti esperti del settore enogastronomico.

 

All’appuntamento, inoltre, parteciperanno anche i titolari di tutte le aziende i cui vini sono impegnati nel confronto, a dimostrazione dell’interesse e della validità dell’iniziativa. Ad accompagnare i vini è stato predisposto un menù in grado di “sostenere” l’importanza della parte enologica. Tra le diverse portate ci saranno anche il tortino di polenta con cuore di taleggio e crema di porcini, i tortelloni con zucca, guanciale e scaglie di pecorino, lo spezzatino di cinghiale.

 

Il menù completo con i vini ha un costo di 35 Euro.

 

I posti sono limitati. Per prenotazioni: 0545 61632 - 338 2894960

 

www.consorzioilbagnacavallo.it.

 



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.