Ergastolo confermato in Appello per Secondo Merendi, il 58enne che uccise la madre a Cotignola

Venerdì 24 Novembre 2017 - Cotignola
Secondo Merendi durante una delle prime udienze del 2015 - Immagine di repertorio

Merendi è accusato dell'omicidio della 81enne Pia Rossini; tracce di dna del figlio sono state individuate sulla corda legata al collo della madre, trovata morta nell'aprile del 2015

Dopo un'ora e mezza di camera di consiglio, i giudici della Corte d'Appello di Bologna hanno confermato ieri, giovedì 23 novembre, il massimo della pena per Secondo Merendi, accusato dell'omicidio della madre 81enne, Pia Rossini, trovata morta due anni fa nel proprio salotto di casa. Così si apprende oggi, venerdì 24 novembre, tra le prime pagine del Corriere Romagna.

Il 58enne di Cotignola, che in mattinata aveva assistito alla discussione, non era presente in aula al momento della lettura della sentenza. Al suo avvocato, Stefano Vezzadini aveva chiesto di poter attendere il risultato del processo nel carcere di Ferrara dove si trovaattualmente, dopo aver saputo che la corte aveva respinto la sua richiesta di eseguire una nuova perizia per risalire all'ora esatta del decesso della madre.


I FATTI IN SINTESI


Il cadavere di Pia Rossini è stato ritrovato nell'aprile del 2015 presso la sua abitazione a Cotignola: accanto al corpo qualche cassetto aperto e dei soldi spariti. "Sono stati i ladri" così affermava il figlio Secondo Merendi ai vicini, accorsi poco per volta attorno al cadavere della 81enne. Ma a tradire le dichiarazioni di Secondi, i dati fondamentali rilevati dai Ris, tra cui anche la scoperta di tracce di dna del figlio sulla corda di accappatoio beige legata al collo della madre. Il motivo dell'assassinio sarebbe da imputare ai tanti debiti da gioco contratti da Secondi, che in un anno e mezzo aveva anche esaurito i risparmi della madre, che non ne sapeva nulla fin quando le hanno staccato l'acqua calda e il gas. 

Così la donna aveva iniziato a dubitare del figlio e il 13 aprile 2015 decisa a chiarire la situazione, si era diretta in banca. Ma purtroppo non ci è mai arrivata.



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.