Comitato per la salute di Lugo: Potenziare il punto nascita, come chiede "Voglio nascere a Lugo"

Sabato 21 Ottobre 2017 - Lugo
L'ingresso dell'ospedale Umberto I di Lugo

Il Comitato per la salute sostiene decisamente la battaglia delle mamme di “Voglio nascere a Lugo” per la difesa del punto nascita all’ospedale contro il rischio di chiusura per il limitato numeri di parti. In particolare, si chiede alla Direzione sanitaria di dotarsi delle tecnologie per implementare il reparto come l’epidurale ed il cesareo programmato essendo già presenti professionalità di qualità elevata.

 

Tutto questo al fine di evitare alle partorienti il trasferimento forzoso a Ravenna in condizioni di sovraffollamento e disagio, come se il parto fosse necessariamente ed esclusivamente un’operazione chirurgica, trascurando l’elemento psicologico.

 

Fondamentale poi, mantenere il reparto di terapia intensiva e rianimazione, come chiede opportunamente la Cgil, aggiornandone tecnologie e strutture per unapiena realizzazione del suo ruolo nell’ambito di una rete ospedaliera  finalizzata a dare una risposta sanitaria di qualità ad un bacino di nove Comuni dell’Unione che
supera i centomila abitanti.

 

Occorre potenziale il personale medico ed infermieristico che, nella Asl Romagna, è sotto i livelli standard stabiliti. Infine, il comitato per la salute chiede di conoscere come verranno usati i reparti rimasti vuoti dopo il trasferimento di molti di loro (oculistica, otorino, dialisi, endoscopia) nel nuovo padiglione D.

 

In altri termini, si smobilitano interi reparti di degenza per fare semplicemente nuovi ambulatori? Dal sindaco Ranalli, responsabile per legge della salute dei cittadini di Lugo, e dal Presidente dell’Unione Piovaccari,  attendiamo risposte.

 

Gabriele Serantoni, Comitato per la salute di Lugo

                                                                                           



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.