Fusignano: grandi novità sul palcoscenico del Teatro Moderno

Sabato 7 Ottobre 2017 - Fusignano

Grandi novità sul palcoscenico del Teatro Moderno di Fusignano. Il cartellone invernale propone 10 appuntamenti che si dividono in tre mini rassegne: musica, teatro per ragazzi e commedie brillanti. La rassegna musicale “Un paese che suona”, affidata all’esperienza del Professore Matteo Salerno, direttore della scuola di musica Arcangelo Corelli, aprirà la stagione venerdì 13 ottobre alle 21.

 

Sarà un omaggio a Mina, dall’eloquente titolo Mina, storia di un mito, il primo spettacolo che andrà in scena, con l’esibizione della cantante riminese Cristina Di Pietro, conosciuta oggi dal grande pubblico per la sua recente partecipazione a The Voice of Italy su Raidue; per l’occasione Cristina Di Pietro sarà accompagnata da un ensemble d’archi, pianoforte e batteria nel concerto intitolato “Mina, storia di un mito” con cui proporrà la propria versione dei grandi successi della "tigre di Cremona" tra cui Parole Parole, Le Mille Bolle Blu, Grande Grande e tanti altri.

 

Di tutt’altro genere sarà l’omaggio al più popolare tra i cantautori italiani. Venerdì 27 ottobre alle 21 a Fusignano i BlaSconVolti Vasco Rossi Tribute Band, attivi nella scena live dal 2009, portano in scena uno spettacolo celebrativo per i 30 anni dell'album e dell'omonimo tour "C'è chi dice no". L'obiettivo è quello di far rivivere le emozioni e l'animo di quel tour, con uno show che ne conservi fedelmente le sonorità e l'impronta rock. Uno spettacolo, della durata di circa due ore, curato nei minimi dettagli, dall'attenta ricerca del sound, alla cura della scenografia e della scaletta, impreziosito dalla presenza di Mimmo Camporeale, storico tastierista di Vasco e della Steve Rogers Band che, proprio in quegli anni, ha contribuito in live e studio, alla nascita della più grande Rockstar italiana. Il resto della band è un perfetto mix di talento ed energia, composta da veri professionisti con il frontman Marco Castelvetro al comando.

 

La rassegna musicale proseguirà venerdì 10 novembre alle 21 con un concerto per due soprani, soubrette e pianoforte intitolato Prima Donna dedicato a Maria Callas e Wanda Osiris. Si tratta di una serata in cui verranno proposte splendide arie del grande repertorio operistico di Verdi e Bellini alternate a deliziose canzoni retrò che il pubblico dell’epoca fischiettava uscendo dal teatro. Attraverso la musica sarà ripercorsa la vita di due artiste molto diverse capaci di riempire i teatri di Milano negli anni ’40 e ’50, epoca d’oro per entrambe considerate le due vere dive di quel periodo. Ad esibirsi saranno Barbara Grazzini e Susie Georgiadis soprani, Angiolina Sensale al piano e Silvia Felisetti scoppiettante soubrette e presentatrice che creerà il filo conduttore della serata a metà strada tra concerto e spettacolo.

 

Venerdì 24 novembre sarà il turno di Vociferando Band (Quartetto vocale, chitarra e contrabbasso) con il concerto Dal Quartetto Cetra ai Manhattan Transfer. Il titolo lascia pochi dubbi su quello che sarà il repertorio, si tratta infatti di una serata in cui verranno proposti brani del grande repertorio swing italiano e straniero dagli anni 30 fino ai giorni nostri tra cui la celebre Non so dir Ti Voglio Bene di Renato Rascel, Cheek to Cheek di Irving Berlin e tanti altri tra cui Singin in The Rain e Java Jive dei Manattan Transfer. Ad esibirsi saranno Elisa Sedioli, Chiara Bartoletti, Pierpaolo Sedioli e Gabriele Landi come voci e Marco Pregher e Marco Rossi rispettivamente chitarra e contrabbasso.

 

Trepidante attesa soprattutto per i più piccoli. La stagione del teatro per ragazzi infatti è quasi interamente dedicata ai musical che riprenderà sia i classici della narrativa, sia più recenti successi cinematografici. Il primo appuntamento è per domenica 12 novembre alle 17 con La Compagnia dei Babbi e delle Mamme di Imola che porta in scena “Esprimi Un Desiderio” , spettacolo musicale in 2 atti liberamente tratto dalla fiaba “La Lampada Magica”. “Esprimi un desiderio”  è musicato dal vivo da un’orchestra di giovanissimi musicisti, in buona parte figli degli attori-genitori.

 

Oltre ai balli, le canzoni e le battute divertenti, La Compagnia dei Babbi e delle Mamme non dimentica di proporre un momento di riflessione: esprimere un desiderio è anche riscoprire il significato dell’attesa in questa società dove abbiamo tutto subito e dove sognare non fa rima con il donare. Il rapporto tra il Genio e Aladin va oltre all’apparente legame tra servo e padrone, per tramutarsi in un’amicizia che va oltre ogni desiderio. Quanti sarebbero disposti a rinunciare a ciò che potrebbero avere con facilità per donare all’amico la libertà tanto sognata? Gli ingredienti ci sono proprio tutti: un genio, la lampada, il buono, il cattivo, l’amicizia, l’amore, il tutto condito con tanta fantasia, musiche e colori che anche questa volta non lascerà indifferenti.

 

La rassegna proseguirà domenica 3 dicembre alle 17 con Shrek Story, portato in scena dalla Compagnia Attori per sbaglio di Lugo. La compagnia riunisce periodicamente più di 15 persone innamorate del palcoscenico e che credono che il teatro sia un prezioso strumento per crescere, per chi lo fa e per chi lo riceve, uno strumento che non dà certezze o la verità assoluta ma emozioni, immagini e sensazioni. Un appuntamento imperdibile per tutta la famiglia, divertente e spensierato, un mix di recitazione, ballo e musica.

 

Venerdì 15 dicembre alle 21 sarà la volta dell’Officina della Musica che ci porterà nel meraviglioso mondo di "OZ e la città di Smeraldo – Il Musical",  uno spettacolo musicale liberamente ispirato al celebre romanzo "Il Meraviglioso Mago di Oz" di L. Frank Baum, che vedrà coinvolti sul palco i ragazzi di Officina del Musical, gli allievi di canto di Officina della Musica, la The Jameson Band e l'Orchestra dei Giovani di Ravenna. Il corso Officina del Musical, diretto dal regista Stefano Pelloni e dalla coreografa Giulia Costantini, vede protagonisti ragazzi e adulti di età e formazione diverse che, da ormai quattro anni, studiano le tre diverse discipline, recitazione, coreografia e tecnica vocale.

 

I cantanti e i gruppi corali, tutti allievi della scuola Officina della Musica, saranno diretti da Erika Occhiello e accompagnati dalla The Jameson Band e dall'Orchestra dei Giovani di Ravenna, questo per ricordare l'importanza della musica dal vivo, che richiede studio, disciplina, costanza e passione. In questa società così "immediata" riteniamo sia assolutamente indispensabile valorizzare il sacrificio e l'impegno di chi da anni studia musica e non potrà mai essere eguagliato a chi si limita ad inserire un cd o a "mixare" un disco nei locali. La musica è e deve essere arte e non immediatezza.

 

L'evento si propone inoltre come stimolo per i più giovani, per dare l'esempio di come attraverso la collaborazione e il lavoro di squadra, si possa ottenere molto più di quanto non si faccia da soli.
La rassegna per i più piccoli si concluderà all’inizio del nuovo anno. Com’è ormai da tradizione infatti, l’associazione AUSER offrirà lo spettacolo della Befana a tutti bambini.

 

Nessuno potrà mancare quando un comico personaggio si aggirerà per il teatro pedalando una valigia, con dei copertoni a tracolla, aprirà il suo baule nel quale saranno racchiusi tutti gli ingredienti dello spettacolo. E’ questo Zitto Zitto, lo spettacolo di teatro di strada di Claudio Cremonesi che sabato 6 gennaio 2018 alle 15.30 arriverà al Teatro Moderno di Fusignano. Zitto Zitto, crea il cerchio, coinvolge il pubblico, fa danzare scope e lancia bottiglie, trasforma bauli e cavalca giraffe, gioca col fuoco ma non si scotta, e sulla sua sfera rotola via. Con copertoni tirati in cielo come fuochi d’artificio saluta la gente, chiude il suo baule e riprende la strada, zitto, zitto! A conclusione dello spettacolo la Befana e Babbo Natale offriranno a tutti i bambini presenti una ricca e dolcissima calza.

 

La stagione del teatro si  arricchisce quest’anno di una grande novità per Fusignano. Nel nuovo anno in cartellone ci saranno due commedie brillanti.

 

Venerdì 2 marzo 2018 alle 21 sul palco andrà in scena “Il funerale di papà”, spettacolo in prosa della “Compagna dell’Anello” di Forlì. Un cast di 17 attori, per la regia di Francesco Lezza e Matteo Celli, porterà in scena un testo cinematografico tradotto e riadattato per la messa in scena teatrale del film britannico “Funeral Party” di Franz Oz. Una commedia brillante in due atti in cui uno scenario apparentemente mesto e sacro come quello di una funzione funebre farà da palcoscenico a uno humor all’inglese del tutto irriverente, esilarante e ricco di colpi di scena.

 

Venerdì 16 marzo 2018 alle 21 si continuerà a ridere con “OK, fanne un dramma”, uno spettacolo di prosa in due atti della compagna faentina CO.CAP, nata 8 anni fa grazie alla passione e all’impegno di Daniele Bandini, che cura anche la regia. Correva l’anno ’87, i Duran Duran e Madonna la facevano da padroni e improbabili e voluminose capigliature spuntavano sulla testa delle teen - agers, ma il nostro mondo virtuale di internet e cellulari non era poi così lontano. Un gruppo di amici, una storica partita di calcio e una bella scommessa sono gli ingredienti di questa divertente commedia degli equivoci, messa in scena da 15 bravi e giovanissimi attori. In collaborazione con Ensemble Mariani.

 

Le rassegne, organizzate in collaborazione con Ensemble Mariani, hanno il patrocinio della Regione Emilia Romagna ed sono rese possibili grazie al sostegno della parrocchia San Giovanni Battista e di diversi sponsor privati che da sempre sostengono le attività del Teatro Moderno.
Per info e costi www.cinemateatromoderno.it - www.facebookcom/teatromodernofusignano - www.twitter.com/teatromoderno.
Prenotazioni a info@cinemateatrofusignano.it.



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.