LA POSTA DEI LETTORI / Cuperlo a scuola senza contraddittorio, per parlare di Liberazione

Lunedì 10 Aprile 2017 - Lugo

Se a livello nazionale vediamo la scissione del Partito Democratico, sul territorio, nell'anno del Signore 2017 continuiamo a vedere come un certo vizio di stampo gramsciano fatichi a scomparire. Succede infatti che a Lugo, in occasione del 72° anniversario della Liberazione della città, al Polo Tecnico Professionale “G. Compagnoni” venga invitato l’Onorevole Gianni Cuperlo. Cosa c’è di strano? Nulla, se non fosse che l’Onorevole non ha alcun titolo istituzionale, non essendo nemmeno un membro del governo, per venire a parlare agli studenti sui principi della Costituzione. E ancor meno senza che venga invitato un esponente di altra parte politica per un sacrosanto contraddittorio. 


Francamente non troviamo una definizione migliore per questa vicenda che non sia quella di "indottrinamento comunista". Siamo di nuovo davanti alla loro prepotenza politica, davanti all’abuso di una ricorrenza che dovrebbe essere apolitica che viene sfruttata per fare una propaganda di parte distorcendo la realtà. L’amministrazione di Lugo, in modo particolare il sindaco Ranalli, schierato assieme a Cuperlo nella mozione Orlando interna al PD, utilizza uno degli oppositori interni di Renzi per fare la battaglia congressuale all'interno della scuola pubblica sulla pelle degli studenti.

Sinceramente è incredibile il solo fatto che questa vicenda tocchi a noi denunciarla, nel silenzio complice di un ex provveditorato agli studi, evidentemente complice, e di un'opinione pubblica per la quale se il deputato viene dal partitone, "va sempre bene".
Se fosse venuto un parlamentare di Forza Italia a scuola senza contraddittorio sarebbe stato forse accolto in maniera così tranquilla? Sappiamo benissimo che la risposta è NO.

La prova la si ha ogni anno a Ravenna, quando il consigliere Ancarani è l'unico che non può parlare della Liberazione in consiglio comunale...

Pertanto, a costo di essere gli unici a rompere questo silenzio complice e dal sapore bolscevico, diciamo chiaro e tondo che Lugo, i suoi cittadini e in modo particolare i suoi studenti devono poter vivere questo anniversario fuori dalle logiche partitiche e a maggior ragione fuori dalle guerre interne del PD.

Fabrizio Dore, Coordinatore Provinciale, Forza Italia Giovani Ravenna

Commenti

Perché non vedi il tuo commento? Leggi le policy.
  • Si può contestare il nome di Cuperlo, ma non c'è contraddittorio quando si parla della Liberazione. Chi avrebbero dovuto invitare, un ex repubblichino?

    10/04/2017 - lc

  • Bastava certamente signor Ic invitare uno storico, magari un Professore di Storia dei Licei lughesi. O no?

    10/04/2017 - Nostradamus



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.