Banda ultralarga: in arrivo 255 milioni di euro per 18 progetti nel ravennate

Venerdì 15 Luglio 2016

Rontini (PD): "Finanziamenti per la fibra ottica nelle aree produttive: un sostegno concreto all’economia locale". Nel lughese i progetti interesseranno l'area San Vitale Nord a Bagnacavallo, Fruges a Massa Lombarda, San Vitale Nord a Sant’Agata, via Torricelli a Cotignola, via dell’Industria a Conselice, via Roma ad Alfonsine e Voltana a Lugo, oltre all’area produttiva individuata dal Comune di Bagnara

Sono diciotto i progetti presentati da Comuni della provincia di Ravenna ammessi al bando della Regione Emilia-Romagna per estendere le reti pubbliche in fibra ottica e assicurare l’accesso ad Internet a 100 Mbps nelle cosiddette “aree bianche”, ovvero le aree produttive ancora non raggiunte dalla banda larga e ultra larga, a causa del fallimento del mercato nell’offerta e nell’accesso ai servizi.

 

Di questi progetti, quattro sono relativi al Comune di Ravenna (area Savio, San Zaccaria, Piangipane e San Pietro in Vincoli), tre a quello di Faenza (via Pana, area CNR San Silvestro, via Bisaura), due a Cervia (area Savio e Montaletto). I restanti sono in altri nove Comuni; nello specifico si tratta dell’area San Vitale Nord a Bagnacavallo, Fruges a Massa Lombarda, San Vitale Nord a Sant’Agata, via Felisio a Solarolo, via Torricelli a Cotignola, via dell’Industria a Conselice, via Roma ad Alfonsine e Voltana a Lugo, oltre all’area produttiva individuata dal Comune di Bagnara.

 

“La diffusione delle reti ad alta velocità, l’infrastrutturazione dei territori a banda larga e l’adozione di tecnologie innovative sono un sostegno diretto all’economia locale – ne è convinta Manuela Rontini, Presidente della Commissione regionale Territorio e Mobilità – È necessario infatti favorire la riduzione dei divari digitali, eliminando le differenze tra città, periferie e aree interne, attraverso la diffusione di connettività in banda ultra larga per sostenere la capacità delle nostre imprese di stare su un mercato sempre più digitalizzato e internazionale, ed essere competitive”.

 

L’investimento pubblico complessivo che riguarderà l’Emilia-Romagna per lo sviluppo della banda ultra larga è di 255 milioni di euro, frutto dell’Accordo di programma con il Ministero per lo Sviluppo Economico siglato lo scorso aprile (180 milioni), a cui si aggiungono risorse dai Por Fesr e Psr Feasr (75 milioni).

 

“Fondi preziosi per realizzare un obiettivo ambizioso ma che ci siamo posti di realizzare entro il 2020: una comunità al 100% digitale. E uno dei primi passi in questa direzione è proprio la riduzione del digital divide per le realtà produttive, che più di altri soffrono della mancanza di connessione all’Internet veloce” conclude la Consigliera regionale Pd Rontini.



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.